Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell'utenza,
  e per farti visualizzare contenuti pubblicitari personalizzati, questo sito usa cookie anche di terze parti.
  Chi sceglie di proseguire nella navigazione esprime il consenso all'uso dei cookie. informativa e revoca consensi qui .
 

Alimentatore AXP (AXPERTEC) serie economica , test superato !

Quando il pc comincia ad essere affollato ( tante schede pci , tanti hard disk , lettore dvd e masterizzatore ,

controller per le ventole ecc… ecc… ) l’alimentatore di serie comincia a mostrare i suoi limiti , se si installa il programma motherboard monitor [ link per scaricarlo ] si possono tenere sotto controllo le tensioni erogate dal proprio alimentatore al variare del carico , bene era proprio giunta l’ora di cambiare dato che la 12V era diventata 11,8 e la 5V era 4,8 ,

guardando un po’ in giro per un alimentatore onesto ma senza fronzoli ( tipo led e simili ) mi e’ capitato questo per le mani AXP Simplepower 630 Watt , e’ un prodotto RETAIL , fornito in scatola e con cavo di alimentazione , la presa non e’ il tipo italiano ma ormai purtroppo e’ la norma ; questo alimentatore e’ un silent ( per davvero , a pc acceso sento le ventole ausialiarie e quelle di scheda video e processore ma quella dell’alimentatore e’ praticamente impercettibile , eppure il flusso di aria uscente e’ discreto ) ed e’ di un certo peso , si proprio peso !

Dispone di 5 uscite molex a 4 poli per periferiche da 3”1/2 , una per floppy disk , due pci-express per schede video in sli , 3 serial ata e ovviamente l’attacco atx a 24 poli sdoppiato ( 20+4 ) .

Sotto carico le tensioni sono semplicemente perfette ( -12 -> -11,94 ; +12 -> 12,04; +5 ->5,00 ) , tranne la -5V che e’ completamente sballata , ho poi scoperto che tale tensione e’ assente di fabbrica dato che non piu’ usata da parecchi anni e quindi non essendo presente leggendo le tensioni dal bios viene corretamente rilevata come non fornita mentre motherboard monitor da un valore di 3,8 v che in realta’ non e’ presente ( anche perche’ il filo della -5V e’ proprio assente ) .

N.B il sotto carico della prova si riferisce a: 3 dischi rigidi 7200 rpm , lettore dvd , masterizzatore dvd , Nvidia GeForce 6800 XT , Athlon XP 1800 , 3 ventole ausiliarie con controller , scheda tv tuner , controller raid , e ovviamente in fase di “lavoro” .

Che dire , l’esito della prova e’ certamente piu’ che positivo , anche se avrei preferito che la -5V fosse implementata , per la fascia di prezzo a cui appartiene da 45 - 55 euro e’ veramente ottimo , poi ha il PFC passivo e quindi funziona bene con i gruppi di continuita’ economici ( ricordo che gli alimentatori con il PFC attivo possono guastarsi se alimentati con onde non sinusoidali ovvero UPS economici ) .

Per dovere di cronaca riporto che il PFC e’ il sistema di correzione del fattore di potenza , detto terra terra

serve a limitare ( un poco ) l’assorbimento di corrente a parita’ di potenza reale assorbita , il pfc attivo assolve meglio a questa funzione ma … e’ piu’ delicato come sensibilita’ all’ alimentazione , per esempio l’ enermax che di alimentatori se ne intende spiega che con alimentatori con pfc attivo serve necessariamente un gruppo di continuita’ ad onda sinusoidale pura , mentre con pcf passivo si puo’ usare indifferentemente un ups che fornisca in uscita un’ onda pseudo-sinusoidale ( o sinusoidale simulata ) oppure uno che fornisca un’ onda sinusoidale pura ; Ovviamente gli UPS che erogano onde sinusoidali pure costano piu’ degli altri, a volte parecchio .

Link alla nota enermax su pfc e ups ( in inglese )

link

Link al sito di AXPERTEC che merita una visita dato che ha davvero dei bei prodotti

link

Aggiungi un commento


eXTReMe Tracker