Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell'utenza,
  e per farti visualizzare contenuti pubblicitari personalizzati, questo sito usa cookie anche di terze parti.
  Chi sceglie di proseguire nella navigazione esprime il consenso all'uso dei cookie. informativa e revoca consensi qui .
 

Condensatori Elettrolitici non polarizzati

Questo trucco lo conosceranno in moltisssimi ma non si sa mai potrebbe risultare utile.
Qualche volta capita di dover sostituire in un apparecchio antico dei condensatori elettrolici non polarizzati, spesso con tensioni di isolamento abbastanza elevate ma di valore modesto;
Purtroppo non sempre si riesce a reperire un ricambio adatto, eppure la possibilita’ di ripristinare l’apparecchio esiste;
Per prima cosa controlliamo la tensione di isolamento del condensatore da sostituire ( per esempio 400 V ) e la capacita’ ( esempio 6 uF ),
adesso non ci resta che procurarci due condensatori elettrolici normali di capacita’ doppia (12 uF nel nostro caso ) e tensione di isolamento uguale o leggermente superiore ( 400 V o anche 450 in questa ipotesi ) collegandoli in antiserie ( positivo con positivo ) e usando i terminali negativi come i capi del nostro nuovo condensatore non polarizzato da 6 uF 400V lavoro; Nulla cambierebbe collegando assieme i due negativi e usando i positivi come capi del condensatore non polarizzato, mi raccomando non lesinate sulla tensione di isolamento e data la notevole tolleranza dei condensatori elettrolitici non sarebbe male selezionarne due della stessa capacita’ ( o molto vicina ) col capacimetro .

1 commento


eXTReMe Tracker